PAROLE

FRASI (In blu le parole cliccabili)

CONTROLLA

1

Molti sono morti per ingordigia, chi si controlla vivrà a lungo. (Siracide)

2

Non essere finto davanti agli uomini e controlla le tue parole. (Siracide)

CONVERSARE

1

Molti sanno discutere, pochi conversare (A. Bronson Alcott)

2

Viaggiare è quasi lo stesso che conversare con quelli dei secoli passati. (René Descartes)

CONVERSAZIONE

1

Amo citarmi spesso; aggiunge sapore alla conversazione. (G. B. Shaw)

2

Il silenzio e la modestia sono qualità utilissime alla conversazione. (Michel de Montaigne)

3

Il silenzio è una delle grandi arti della conversazione. (William Hazlitt)

4

La conversazione dovrebbe sfiorare tutto, ma non dovrebbe concentrarsi su alcuna cosa. (Oscar Wilde)

5

La conversazione sarebbe assai migliorata dall'uso costante di due parole: non so. (André Maurois)

6

La conversazione è feconda soltanto tra spiriti dediti a consolidare la propria perplessità (Emile M. Cioran)

7

La fornace prova gli oggetti del vasaio, la prova dell'uomo si ha nella sua conversazione. (Siracide)

8

La lettura di ogni buon libro è come una conversazione con le persone migliori dei secoli passati. (René Descartes)

9

La lettura rende un uomo completo, la conversazione lo rende agile di spirito e la scrittura lo rende esatto. (Francis Bacon)

10

Quando si ascolta della cattiva musica è un dovere affogarla nella conversazione. (O. Wilde)

CONVERSAZIONI

1

L'allegrezza moderata nelle conversazioni passa facilmente d'animo in animo, ed è accolta con lieta fronte da tutti. L'allegrezza clamorosa si comunica a pochi e spesso muore sul labbro di chi volle eccitarla. (M. Gioia)

2

Spesso sostengo lunghe conversazioni con me stesso e sono così intelligente che a volte non capisco nemmeno una parola di quello che dico. (Oscar Wilde)

CONVIENE

1

Nelle cose grandi gli uomini si mostrano come conviene loro di mostrarsi; nelle piccole si mostrano come sono (Chamfort)

2

Nelle grandi cose gli uomini si mostrano come conviene loro di mostrarsi; nelle piccole, quali sono. (N. de Chamfort)

3

Non è giusto disprezzare un povero assennato e non conviene esaltare un uomo peccatore. (Siracide)

4

Quali sono i primi, i maggiori dei beni? Essere uomo onesto e uomo libero. Pel primo conviene ubbidire alla legge morale, pel secondo ubbidire alla legge politica e civile. (M. D'Azeglio).

5

Se il giornalismo vuol essere una potenza accettata da tutti, conviene che rappresenti l'opinione pubblica, quando è giusta e ragionevole; e sappia anche ricondurla sul buon cammino quando si svia; conviene si faccia, prima di tutto, sostenitore e vindice di quei principi elementari di giustizia e di onestà, che sono anteriori a tutti i codici e sono i soli e veri cardini della società umana (M. D'Azeglio).

6

Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. (Gesù)

7

Se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna. (Gesù)

CONVINCERÀ

1

Chi è fornito di argomenti pecuniari convincerà il proprio antagonista molto prima di chi trae argomenti dalla ragione e dalla filosofia (Joseph Addison)

2

Chiunque sia in grado di penetrare le cause determinanti delle malattie nervose si convincerà presto che il loro aumento nella nostra società deriva dall'intensificazione delle restrizioni sessuali. (S. Freud)

CONVINCERE

1

Il pastore cerca sempre di convincere il gregge che gli interessi del bestiame e i suoi sono gli stessi (Stendhal)

2

Le donne si lasciano convincere da colui che ragiona, non dai suoi ragionamenti (A.Karr)

3

Non ho mai mancato di convincere un pubblico che la cosa migliore che potevano fare era andarsene. (Thomas Love Peacock)

CONVINZIONE

1

Culto degli antenati: la convinzione che la vostra famiglia è meglio morta che viva. (L. L. Levison)

2

La convinzione che la vostra famiglia è meglio morta che viva, si chiama culto degli antenati. (L. L. Levinson)

3

Tutti i malati ossessivi sono superstiziosi e in genere contro la loro stessa convinzione. (S. Freud)

CONVINZIONI

1

Le convinzioni sono per la verità nemiche più pericolose delle menzogne (Friedrich Nietzche)

2

Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità. (Nietzsche)

COPRE

1

Il successo copre una miriade di errori. (G. B. Shaw)

2

Muoiono le città, muoiono i regni, / copre i fasti e le pompe arena ed erba; / e l'uom d'esser mortal par che si sdegni... (T. Tasso).

3

Un tetto di foglie copre bene quanto uno d'oro. (Seneca)

COR

1

Amore e cor gentile sono una cosa (Dante).

2

Filiale amor! Oh! fervido / e sacrosanto affetto, / che la natura provvida / istilla all'uom nel petto / insiem coi primi battiti / dell'innocente cor. (G. Milli)

CORAGGIO

1

Agli uomini in generale manca la costanza nei propositi, e ciò fa si che le loro imprese quasi sempre rovinino. Il difetto di costanza si manifesta in due maniere: o col mutar disegno appena scelto, o col mancare di coraggio alle prime contrarietà (F. D. Guerrazzi)

2

Anche la vita, se manca il coraggio di morire, è una schiavitù. (Seneca)

3

Bisogna porsi delle mete per avere il coraggio di raggiungerle. (Benito Mussolini)

4

Fatti coraggio: il colmo della sventura non durerà a lungo. (Eschilo)

5

Il coraggio ha abbandonato la nostra specie, o forse non lo abbiamo mai realmente avuto. (O. Wilde)

6

Il coraggio si infiacchisce e si travia per l'accoppiamento con le donne. (Michel de Montaigne)

7

Non ammiro il coraggio dei domatori: chiusi in gabbia sono al riparo dagli uomini (G.B.Shaw)

8

Non è la vittoria che conta, bensì la tenacia e il coraggio con i quali abbiamo lottato. (Madre Teresa)

9

Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda cresce la paura. (Publilio Siro)

10

Se l'uomo potesse nell'età della ragione rammentare l'ardore di un sol bacio materno, non potrebbe avere il coraggio di commettere la più piccola ingiustizia verso chi lo ha baciato in quel modo (P. Mantegazza)

11

Se una donna si guarda spesso allo specchio, può darsi che non sia tanto un segno di vanità, quanto di coraggio. (Mark Twain)

12

Talvolta anche vivere è un atto di coraggio. (Seneca)

13

Tutti i nostri sogni possono diventare veri, se abbiamo il coraggio di perseguirli. (Walt Disney)

14

Un sorriso non costa nulla, ma vale molto. Arricchisce chi lo riceve e chi lo dona. Non dura che un istante, ma il suo valore è talora eterno. Nessuno è tanto ricco da poterne fare a meno, e nessuno è talmente povero da non poterlo dare. In casa porta felicità, nella fatica infonde coraggio. (P. Faber)

15

Vivere non è poi una gran cosa: tutti i tuoi servi, tutte le bestie vivono: l'importante è morire con dignità, saggezza e coraggio. (Seneca)

16

Vuoi vivere bene? E chi non lo vuole? Se solo la virtù può darti tanto, coraggio, rinuncia ai piaceri, dedicati a praticarla. (Orazio)

CORAGGIOSI

1

Facile essere coraggiosi, a distanza di sicurezza (Esopo)

2

Il valore non serve a nulla, la sorte domina su tutto, e i più coraggiosi spesso cadono per mano dei codardi. (Tacito)

3

Sicuramente i più coraggiosi sono coloro che hanno la visione più chiara di ciò che li aspetta, così della gloria come del pericolo, e tuttavia l'affrontano. (Tucidide)

CORDA

1

Meglio essere in due che uno solo, perché due hanno un miglior compenso nella fatica. Infatti, se vengono a cadere, l'uno rialza l'altro. Guai invece a chi è solo: se cade, non ha nessuno che lo rialzi. Inoltre, se due dormono insieme, si possono riscaldare; ma uno solo come fa a riscaldarsi? Se uno aggredisce, in due gli possono resistere e una corda a tre capi non si rompe tanto presto. (Ecclesiaste)

2

Non si dovrebbe parlare di corda in casa dell'impiccato. (Miguel de Cervantes y Saavedra)

3

Per saggiare la realtà dobbiamo farla camminare sulla corda tesa. Quando le verità si fanno acrobati, possiamo darne un giudizio. (O. Wilde)

4

Se il fil di canapa è marcio, non si avrà mai corda buona. Se l'oro è di saggio scadente, non si avrà mai moneta buona. E se l'individuo è dappoco, ignorante e tristo, non s'avrà nazione buona e non si riuscirà mai a nulla di solido, d'ordinato e di grande (M. D'Azeglio).

5

Un musicista che suoni sempre la medesima corda è ridicolo. (Orazio Flacco)

CORE

1

Frena gl'impeti del core / nell'età più fresca e gaia, / se trovar vuoi qualche fiore / sul sentier della vecchiaia (A. Bertola)

2

La famiglia è la patria del core. (Giuseppe Mazzini)

3

Quando il tuo sguardo innanzi a me scintilla, / amabilmente pio, / io chiedo al lume della tua pupilla: / "Dimmi, se 'l sai, bel messagger del core, / dimmi, che cosa è Dio?" / E la pupilla mi risponde: Amore. (A Aleardi)

CORNA

1

Chi piglia bellezze piglia corna. (G. Verga)

2

Il lupo assalta con i denti, il toro con le corna. (Orazio)

3

L'uomo per la parola, e il bue per le corna. (G. Verga)

CORNEILLE

1

Chi non sente il suo male è tanto più malato. (Pierre Corneille)

2

La ragione e l'amore sono nemici giurati. (Corneille)

3

Un bugiardo è sempre prodigo di giuramenti. (Pierre Corneille)

CORNUTI

1

Lucullo, Cesare, Pompeo, Antonio, Catone e altre brave persone furono cornuti, e lo seppero senza farne scalpore. (Michel de Montaigne)

2

Se non essere cornuti vi sembra un gran bene, l'unico modo è non sposarsi affatto. (Molière)

CORONA

1

Corona dei vecchi sono i figli dei figli, onore dei figli i loro padri. (Salomone)

2

Corona della sapienza è il timore del Signore; fa fiorire la pace e la salute. (Siracide)

3

Corona magnifica è la canizie, ed essa si trova sulla via della giustizia. (Salomone)

4

Giace inquieta la testa che indossa una corona. (William Shakespeare)

5

Il timore del Signore è gloria e vanto, gioia e corona di esultanza. (Siracide)

6

La donna perfetta è la corona del marito, ma quella che lo disonora è come carie nelle sue ossa. (Salomone)

CORONE

1

Capitanata dalle corone o capitanata dal berretto, la discordia civile è il pessimo di quanti flagelli possono percuotere un popolo (G. Giusti).

2

Persino le mani che fanno corone di spine sono da preferire alle mani oziose. (Kahlil Gibran)

CORPI

1

Che cosa è un amico? Un'anima sola che vive in due corpi (Platone)

2

Hai figlie? Vigila sui loro corpi e non mostrare loro un volto troppo indulgente. (Siracide)

CORPO

1

Anche se uno è schiavo, è di carne come noi; nessuno infatti nacque mai schiavo per legge di natura; fu il caso che fece schiavo il suo corpo. (Filemone)

2

C'era qualche cosa di animalesco nell'anima mentre il corpo aveva i suoi momenti di spiritualità. (O. Wilde)

3

Che i vermi roderanno il mio corpo è un pensiero che posso sopportare; ma che i professori di filosofia rodano la mia filosofia, è un'idea che mi fa venire i brividi. (Schopenhauer)

4

Ciò che veramente desidera colui che chiede la mano di una donna, è il resto del corpo. (Enrique J. de Poncela)

5

Colui al quale è troppo caro il proprio corpo, tiene in poco conto la virtù. (Seneca)

6

Come il corpo senz'anima è privo di vita, così la fede senza le opere è morta. (S. Giacomo)

7

Concedete al corpo solo quanto basta a mantenerlo in salute. (Seneca)

8

Dei mali del corpo tutti vorrebbero guarire, ma molti non possono; di quelli dell'anima potrebbero molti, ma pochi vogliono (A. Caro).

9

E' la paura di morire, non il desiderio di vivere, che tiene il pazzo attaccato al corpo. (Michel de Montaigne)

10

Favo di miele sono le parole gentili, dolcezza per l'anima e refrigerio per il corpo. (Salomone)

11

Fuggite la fornicazione! Qualsiasi peccato l'uomo commetta, è fuori del suo corpo; ma chi si dà alla fornicazione, pecca contro il proprio corpo. (S. Paolo)

12

Ha il nostro corpo questo difetto, che più gli si prodigano cure e conforti e più scopre necessità e bisogni. (Santa Teresa di Gesù)

13

I mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo, perché chi ama la propria moglie ama se stesso. (S. Paolo)

14

Il corpo pecca una sola volta e supera subito il peccato, perché l'azione è un modo di purificarsi. (O. Wilde)

15

Il miglior odore del corpo è non averne nessuno. (Seneca)

16

Il più sicuro mezzo di trovarsi pago del proprio stato è quello di paragonarsi ad altri più infelici; cosi, quando penso al numero prodigioso di malattie terribili alle quali il corpo umano è soggetto, ho per gran ventura che a me non ne siano toccate in sorte che tre (B. Franklin).

17

Il vero piacere deriva dall'attività della mente e dall'esercizio del corpo: questi vanno sempre di pari passo. (Humboldt)

18

L'anima nasce vecchia, ma ringiovanisce. E' la commedia della vita. Il corpo nasce giovane e invecchia. E' la tragedia della vita. (Oscar Wilde)

19

L'esercizio fisico, anche quando è imposto, non fa nessun male al corpo, ma la conoscenza acquisita per forza non ha presa sulla mente (Platone)

20

L'insonnia per la ricchezza logora il corpo, l'affanno per essa distoglie il sonno. (Siracide)

21

La lettura è per la mente quel che l'esercizio è per il corpo. (Joseph Addison)

22

La lucerna del corpo è l'occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra! (Gesù)

23

La moglie non è arbitra del proprio corpo, ma lo è il marito; allo stesso modo anche il marito non è arbitro del proprio corpo, ma lo è la moglie. (S. Paolo)

24

La sofferenza della mente è peggiore di quella del corpo. (Publilio Siro)

25

La sola differenza che c'è tra schiavo e animale è che gli animali obbediscono non indotti dalla ragione, ma dalle percosse; tuttavia l'utilità che si ricava sia dagli uni che dagli altri è poco diversa, perché tanto gli schiavi quanto gli animali domestici ci aiutano col corpo a soddisfare i nostri bisogni. (Aristotele)

26

La solitudine è per lo spirito ciò che il cibo è per il corpo (Seneca)

27

Le difficoltà rafforzano la mente, come la fatica rafforza il corpo. (Seneca)

28

Meglio un povero di aspetto sano e forte che un ricco malato nel suo corpo. (Siracide)

29

Molti organi del corpo umano sono doppi: specie la lingua. (Gerhard Uhlembruck)

30

Nessuno ardisca dare o ricevere qualcosa senza il permesso dell'abate, né avere alcunché di proprio, assolutamente nulla, dato che i monaci non sono ormai più padroni né del loro corpo né della loro volontà. (Regola di S. Benedetto)

31

Non c'è ricchezza migliore della salute del corpo e non c'è contentezza al di sopra della gioia del cuore. (Siracide)

32

Non c'è uomo, per quanto decrepito, che non pensi di avere ancora in corpo venti anni. (Michel de Montaigne)

33

Non gonfiarti per la prestanza e la bellezza del tuo corpo; alla minima malattia esse si guastano e si deturpano. (T. da Kempis)

34

Non maltrattate le bestie, ma abbiatene cura, ché potete cosi esercitare qualche facoltà e del corpo e della mente e dell'animo vostro: potete anche osservare e imparare. Ma non prendete ad allevarle e mantenerle per mero trastullo, ch'è perditempo e spesa non tantodenaro quanto d'affetto, il quale poi è negato alle persone a cui più si deve: onde la passione per le bestie diventa insieme ingiustizia e ridicolezza (N. Tommaseo).

35

Non temete coloro che uccidono il corpo e non possono uccidere l'anima, ma temete colui che può mandare l'anima e il corpo all'inferno. (Gesù)

36

Non è la deformità del corpo a rendere brutta l'anima, ma la bellezza dell'anima a far bello il corpo. (Seneca)

37

Penso tra me e me quanti sono gli uomini che esercitano il corpo e quanto pochi quelli che esercitano la mente; quanta gente accorre a un passatempo inconsistente e vano, e che deserto intorno alle scienze; che animo debole hanno quegli atleti di cui ammiriamo i muscoli e le spalle. (Seneca)

38

Per l'amore il corpo non è che un tramite. (Giovanni Paolo II)

39

Per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? (Gesù)

40

Quanto grande è la nostra miseria: il nostro corpo va soggetto a tutte le infermità, dolori e debolezze della vita; la nostra anima non riesce sempre ad avere slanci nel bene! Sono queste le conseguenze del peccato originale! Sii umile di cuore e sempre pronto a dominare le tue cattive inclinazioni. (G. Nardi)

41

Ricordate ,o sovrani, che la vostra autorità si esercita sul corpo dei vostri sudditi e che i re non hanno potere sui cuori. Ricordate che, se opprimete gli uomini in ciò che possiedono, non ne dominerete mai lo spirito. (Ardashir)

42

Ricordatevi dei carcerati, come se foste loro compagni di carcere, e di quelli che soffrono, essendo anche voi in un corpo mortale. (S. Paolo)

43

Salute e vigore valgono più di tutto l'oro, un corpo robusto più di un'immensa fortuna. (Siracide)

44

Se avrò dato tutti i miei beni per distribuire cibo ai poveri, e se pure avrò gettato il mio corpo alle fiamme e non avrò avuto la carità, niente a me può giovare. (S. Paolo)

45

Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. (Gesù)

46

Se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna. (Gesù)

47

Un cuore lieto fa bene al corpo, uno spirito abbattuto inaridisce le ossa. (Salomone)

CORRE

1

I beni si disprezzano quando si possiedono sicuramente, e si apprezzano quando sono perduti o si corre pericolo di perderli (Giacomo Leopardi)

2

L'oblio delle offese è segno di sincero pentimento. Chi ne conserva il ricordo crede d'essere pentito, ma è simile a chi corre ... solo in sogno. (Giovanni Climaco)

3

Quando per giovare debolmente ad altri si corre il rischio di nuocere gravemente a sé stessi, l'intricarsene è pazzia da bastone. (U. Foscolo)

4

Si corre lo stesso rischio a credere troppo che a credere troppo poco (Denis Diderot)

CORREGGE

1

Chi corregge il proprio figlio ne trarrà vantaggio e se ne potrà vantare con i suoi conoscenti. (Siracide)

2

L'esempio corregge assai meglio degli errori. (Voltaire)

3

Non si corregge colui che è impiccato, si correggono gli altri per mezzo di lui. (Michel de Montaigne)

4

Purtroppo, non sempre una vita lunga corregge i difetti; anzi spesso accresce maggiormente le colpe. Magari potessimo passare santamente anche una sola giornata in questo mondo. (T. da Kempis)

CORREGGERLO

1

Chi risparmia il bastone odia suo figlio, chi lo ama è pronto a correggerlo. (Salomone)

2

Se vuoi guastare un carattere, devi solo correggerlo. (O. Wilde)

CORREGGIAMO

1

Sarebbe meglio star lontano dal peccato che sfuggire alla morte. Se oggi non sei preparato a morire, come lo sarai domani? Il domani è una cosa non sicura: che ne sai tu se avrai un domani? A che giova vivere a lungo, se correggiamo così poco noi stessi? (T. da Kempis)

2

Se è vero che la giovinezza è un difetto, ce ne correggiamo in fretta (Wolfang Goethe)

CORREGGONO

1

Come gli amici adulando pervertono, così i nemici con i rimproveri molte volte correggono (Sant'Agostino)

2

Non si corregge colui che è impiccato, si correggono gli altri per mezzo di lui. (Michel de Montaigne)

CORRENTE

1

Il conto corrente è un'offerta volontaria al mantenimento della vostra banca (Ambrose Bierce)

2

La terra è madre di tutti e tutti devono avere su essa eguali diritti. È come sperare che i fiumi possano andare contro corrente il credere che un uomo nato libero possa essere felice, quando lo si costringe e quando gli si toglie la libertà di andare dove vuole. (Joseph - Capo pellerossa)

3

Non arrossire di confessare i tuoi peccati, non opporti alla corrente di un fiume. (Siracide)

CORRERE

1

Correre qua e là non ti servirà a niente: tu vai in giro con le tue passioni, i tuoi mali ti seguono. (Seneca)

2

E' ridicolo correre verso la morte per stanchezza della vita, quando è il tuo sistema di vita che ti fa correre incontro alla morte. (Seneca)

3

Gli italiani sono sempre pronti a correre in soccorso dei vincitori. (E. Flaiano)

4

Il nostro desiderio disprezza e trascura ciò che ha fra le mani, per correre appresso a quello che non ha. (Michel de Montaigne)

5

La speranza è un rischio che bisogna correre. (Georges Bernanos)

6

Non permettere alla tua lingua di correre avanti al tuo pensiero (Chilone di Sparta)

CORROTTA

1

In un'epoca corrotta e ignorante come questa, la buona estimazione del popolo è offensiva. (Michel de Montaigne)

2

Quanto più uno desidera elevarsi spiritualmente, tanto più la vita presente gli appare amara, perché constata pienamente le deficienze dovute alla corrotta natura umana. (T. da Kempis)

CORROTTI

1

Gli abusi nascono dove gli uomini li desiderano; e gli uomini li desiderano quando sono corrotti. (A. Manzoni)

2

La democrazia sostituisce l'elezione da parte dei molti incompetenti all'incarico affidato dai pochi corrotti. (George Bernard Shaw)

CORRUZIONE

1

Chi semina nella sua carne, dalla carne raccoglierà corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito raccoglierà vita eterna. (S. Paolo)

2

La corruzione è il sintomo più infallibile della libertà costituzionale. (Edward Gibbon)

CORSO

1

Impara bene chi impara dal pericolo corso da un altro (Plauto)

2

L'iniquo accetta regali di sotto il mantello per deviare il corso della giustizia. (Salomone)

3

La terra senza l'uomo non è che un vasto deserto, o per dir meglio un sepolcro; ella abbisogna delle mani di lui per esser coltivata; cosicché a ragione lo riguarda come un signore e sovrano, ed, attenta in riconoscerne le cure e il dominio, secondo il corso delle stagioni ora gli offre i più vaghi fiori ora i frutti più delicati ed eccellenti. (Ganganelli)

CORTE

1

L'unico modo di comportarsi con una donna è farle la corte se è carina o farla ad un'altra se è brutta. (Oscar Wilde)

2

Misero chi non ha in casa sua dove stare a sé, dove farsi la corte in privato, dove nascondersi! (Michel de Montaigne)

3

Un uomo senza decorazioni a corte fa sempre una grande impressione. (H. Kilian)

CORTESIA

1

Bisogna ingannare gli uomini per asservirli; ma si deve loro almeno la cortesia della menzogna (Madame de Stael)

2

La gratitudine è la forma più squisita di cortesia (Jacques Maritain)

3

La puntualità è la cortesia dei re. (attribuito a Luigi XVIII)

4

Un albero é conosciuto per i suoi frutti, un uomo per le sue azioni. Una buona azione non è mai perduta. Colui che semina cortesia miete amicizia, colui che pianta gentilezza raccoglie amore. (S. Basilio)

CORTO

1

L'uomo ricorre alla verità solamente quando è a corto di bugie (M. Lenoir)

2

Se il naso di Cleopatra fosse stato più corto, sarebbe cambiata l'intera faccia della terra. (Blaise Pascal)

CORVI

1

La censura perdona i corvi, ma non risparmia le colombe (Giovenale)

2

La critica è indulgente coi corvi e si accanisce con le colombe. (Giovenale)

3

Spesso si è indulgenti nei confronti dei corvi e si condannano le colombe (Giovenale)

COS

1

Che cos'era la gioventù, nel migliore dei casi? Un'età verde, acerba, un'età di amori superficiali e di pensieri morbosi. (O. Wilde)

2

Che cos'è il matrimonio? Un voto irrevocabile. (O. Wilde)

3

Che cos'è il piacere, se non un dolore straordinariamente dolce? (H. Heine)

4

Che cos'è l'avarizia? E` un continuo vivere in miseria per paura della miseria. (San Bernardo)

5

Che cos'è la filosofia, se non un dono degli dei? (Cicerone)

6

Cos'è una amante? Una donna, presso la quale ci si scorda di ciò che si sa a memoria, vale a dire di tutti i difetti del suo sesso. (N. de Chamfort)

7

E che cos'è un bacio? Un apostrofo rosa fra le parole t'amo, un segreto detto sulla bocca. (Rostand)

8

E che cos'è un bacio? Un segreto detto sulla bocca, un istante di infinito che ha il fruscio di un'ape tra le piante. (Rostand)

COSCIENZA

1

Ascolta la voce della tua coscienza, che ti dice di fare il bene e di evitare il male. Prima di agire, interroga questo giudice infallibile, che hai dentro di te. (G. Nardi)

2

Aver coscienza delle proprie colpe è il primo passo verso la salvezza. (Epicuro)

3

Bisognerebbe fare un lungo esame di coscienza prima di pensare a criticare gli altri. (Molière)

4

Grande serenità di spirito possiede colui che non bada alle lodi né ai rimproveri della gente; giacché, se ha la coscienza pulita, si sentirà facilmente contento e tranquillo. (T. da Kempis)

5

Il costituirsi della coscienza è, in fondo, l'incorporazione delle critiche dei genitori in un primo momento, e di quelle della società poi. (S. Freud)

6

L'antica lite fra la libertà e l'autorità è una guerra fra due orgogli: fra l'orgoglio di adorare la volontà propria e l'orgoglio che calpesta la volontà altrui. Umiliate l'uno e l'altro, e la pace è fatta. Allora la libertà è la coscienza che rispetta la legge: e l'autorità è la legge che rispetta la coscienza (R. Lambruschini).

7

L'illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari (Antonio Gramsci)

8

L'uomo ha giustamente paura di restar vittima di una oppressione che lo privi della libertà interiore, della possibilità di esternare la verità di cui è convinto, della fede che professa, della facoltà di obbedire alla voce della coscienza che gli indica la retta via da seguire. (Giovanni Paolo II)

9

La coscienza ci rende tutti malati di egotismo. (O. Wilde)

10

La coscienza di aver ben distribuito le altre ore è un giusto e saporoso condimento delle tavole. (Michel de Montaigne)

11

La coscienza di un uomo talvolta suole avvertire meglio di sette sentinelle collocate in alto per spiare. (Siracide)

12

La coscienza e la viltà sono esattamente la stessa cosa. (O. Wilde)

13

La coscienza non impedisce di commettere un peccato, impedisce solo di goderne in pace. (Theodore Dreiser)

14

La dignità non consiste nel possedere onori, ma nella coscienza di meritarli (Aristotele)

15

La più breve via per arrivare alla gloria sarebbe fare per coscienza quello che noi facciamo per gloria. (Michel de Montaigne)

16

La vera gloria si deve amare e desiderare, ma troppo s'inganna chi la colloca nell'aura popolare o faziosa. La vera gloria è nei posteri, e niuno può ottenerla, se, vivendo, non ebbe l'approvazione della sua coscienza. (V. Monti)

17

Le elaborazioni di pensiero più complicate sono possibili senza la partecipazione della coscienza. (S. Freud)

18

Ma perché andiamo parlando e chiacchierando così volentieri con altri, anche se poi è raro che, quando torniamo a star zitti, non abbiamo qualche guasto alla coscienza? (T. da Kempis)

19

Mai si fa il male così pienamente e con allegria, come quando lo si fa per coscienza (Blaise Pascal)

20

Mi pento raramente, e la mia coscienza si soddisfa da sé. (Michel de Montaigne)

21

Noi ci prepariamo le occasioni importanti più per gloria che per coscienza. (Michel de Montaigne)

22

Non coricatevi senza che la coscienza renda testimonianza di un servizio reso al prossimo. (G. Cusmano)

23

Non fare gran conto di chi ti sia favorevole o contrario; piuttosto preoccupati assai che, in ogni cosa che tu faccia, Dio sia con te. Abbi retta coscienza; Dio sicuramente ti difenderà. Non ci sarà cattiveria che possa nuocere a colui che Dio vorrà aiutare. (T. da Kempis)

24

Non si fa mai il male così pienamente e così allegramente come quando lo si fa per coscienza. (Blaise Pascal)

25

O sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame. (Totò)

26

Ogni persona di onore sceglie di perdere piuttosto il proprio onore, che perdere la propria coscienza. (Michel de Montaigne)

27

Quanto più la coscienza umana, soccombendo alla secolarizzazione, perde il senso del significato stesso della parola "misericordia", quanto più, allontanandosi da Dio, si distanzia dal mistero della misericordia, tanto più la Chiesa ha il diritto e il dovere di far appello al Dio della misericordia "con forti grida". (Giovanni Paolo II)

28

Un vero sviluppo, secondo le esigenze proprie dell'essere umano, uomo o donna, bambino, adulto o anziano, implica soprattutto da parte di quanti intervengono attivamente in questo processo e ne sono responsabili una viva coscienza del valore dei diritti di tutti e di ciascuno nonché della necessità di rispettare il diritto di ognuno all'utilizzazione piena dei benefici offerti dalla scienza e dalla tecnica. (Giovanni Paolo II)

29

Vuoi sapere che cosa sia il vero bene o da dove venga? Te lo dirò: dalla buna coscienza, dagli onesti propositi, dalle rette azioni, dal disprezzo del caso, dal tranquillo e costante tenore di vita di chi segue sempre lo stesso cammino. (Seneca)